HOME  |  CONTATTI CHI SIAMO  |  ATTIVITA’  |  TV  |  INTERNET  |  CELLULARI - VIDEOGIOCHI  |  NEWS  |  DIBATTITO
 
     
 
NEWS
Rassegna Stampa Pagina 397 di 688 | << | >>
• Eventi
• Riviste AIART
• La Parabola
• Il Telespettatore
• Recensioni libri
• Comunicati Stampa
• Rassegna Stampa
• Il 5 per MILLE
• Saggi
• Rapporti sulla comunicazione
 
Iscriviti alla newsletter ISCRIZIONE NEWS LETTER
Invia questa pagina ad un amico INVIA QUESTA PAGINA
Cerca nel sito CERCA NEL SITO
 
 
CONCLUSO AD ASSISI L’INCONTRO RESIDENZIALE ANICEC
Da Agenzia SIR Lunedi 26 Ottobre 2009
“Testimoniare”, nell’epoca dell’internet 2.0, “vuole dire anzitutto incontrarsi”. Così mons. Domenico Pompili, direttore dell’Ufficio nazionale per le comunicazioni sociali della Cei, ha chiuso ieri ad Assisi il terzo incontro residenziale per animatori della comunicazione e della cultura che hanno frequentato il corso Anicec. Parlando della “Chiesa al tempo del 2.0”, mons. Pompili ha fatto ampiamente riferimento al convegno “Testimoni digitali per i nuovi media”, che si terrà a Roma dal 22 al 24 aprile 2010 ed è la prosecuzione ideale di una riflessione della Chiesa italiana sui media già avviata nel 2002 con il meeting “Parabole mediatiche” e poi, nel 2004, con il Direttorio sulle comunicazioni sociali “Comunicazione e missione”. Tra le qualità richieste a “una testimonianza ecclesiale 2.0”, ha sottolineato il direttore dell’Ufficio Cei per le comunicazioni sociali, vi è “la leggerezza”, ossia avere “un equipaggiamento leggero, una dinamica evangelizzatrice sciolta e non ingessata, ovvero una più elastica capacità di adattarsi e di cambiare, riconoscendo nella mutevolezza non l’ostacolo, bensì la risorsa più verace per un annunzio fede a Dio e all’uomo”. Una testimonianza “leggera”, però, “non significa una verità diluita, svenduta o di minor profilo”, ha messo in guardia mons. Pompili, proponendo i criteri del “silenzio”, della “bellezza” e dell’“interpersonalità”. Il silenzio, ha precisato, consiste nella “capacità di superare le seduzioni prometeiche della tecnocrazia efficientista, facile preda del consumismo che induce bisogni e crea dipendenze”; la bellezza, invece, è “la capacità di riappropriarsi di un’espressività totale”; l’interpersonalità, infine, va intesa come “capacità di condividere, partecipare, collaborare, alimentandosi della comune ricerca di quel contenuto del credere che sfugge a ogni oggettivazione unilaterale”. L’incontro di Assisi rientra nell’ambito del Corso di alta formazione Anicec, istituito dal Centro interdisciplinare della Pontificia Università Lateranense assieme all’Università Cattolica del Sacro Cuore e promosso dalla Fondazione “Comunicazione e cultura” della Cei; conclude le attività didattiche, che nel corso dell’anno accademico si svolgono in modalità e-learning attraverso la piattaforma http://www.anicec.it
 
web project & design: adecom www.aiart.org